L’uccellino ha fatto cilecca…

E’ successo di nuovo.

Si Signori, l’uccellino si è nuovamente ammosciato.

Ieri pomeriggio come quasi tutti saprete (almeno quelli ormai in dipendenza piena) Twitter si è inceppato ancora, a poca distanza dall’ultima volta (Giugno ndr). I tecnici della piattaforma si sono messi subito al lavoro per riparare il guasto che si dice sia stato causato, questa volta, dai troppi cinguettii a proposito delle Olimpiadi. Ma non vogliamo anche un po’ prendercela con i “bimbominkia” che twittano fesserie in loop nemmeno fossero tutti lobotomizzati? Di sicuro Twitter sarà un posto migliore alla riapertura delle scuole!




Insomma, quale che ne sia stata la causa, a me piacerebbe analizzare gli effetti.

Al di là delle crisi di panico, con gente scesa in strada a manifestare contro il blocco, centralini degli analisti ingolfati dalle richieste di aiuto, risse negli internet points e aumento delle vendite di antidepressivi, possiamo, ad intuito, dire che la produttività media dei lavoratori italiani ha subito in quelle due ore un’impennata clamorosa. Prova ne è l’andamento della Borsa Italiana, dove nelle due ore senza cinguettii si sono intensificati gli scambi tanto da chiudere la giornata con forti rialzi come da grafico che segue. (chiaramente tutti siete consapevoli che i due avvenimenti non possono essere in nessun modo correlati se non in maniera ironica, o no? )

 (fonte Traderlink.it)

Ma visto che non siamo tutti analisti di borsa volevo analizzare un altro aspetto. Data la mia dipendenza conclamata, mi sono ritrovato a fare un giro su G+, e nonostante il mezzo deserto trovato, ho potuto rendermi conto che:

  • Google+ non è poi così male, a differenza del passato, anzi, offre molte funzioni carine che lo rendono piacevole e forse meritevole di essere approfondito.
  • Molti dei così detti “influencers” ci passano sempre più spesso del tempo, e questo mi porterebbe a pensare che in un prossimo futuro possa prendere piede, in qualche modo.
  • Ho notato che molti personaggi interessanti (sopratutto esteri) lo preferiscono ormai rispetto ai soliti social networks, che è un po’ la stessa cosa successa nel passaggio da Facebook a Twitter.

Staremo a vedere se G+ esploderà o meno oppure sarà solo un ricovero per affetti da “Twitter dipendenza” durante i prossimi #TwitterDown, io intanto farò come ho fatto con Twitter… Mi sono iscritto, non ci ho capito nulla, l’ho abbandonato, sono tornato dopo un anno e me ne sono innamorato.

Ci vediamo dal 1 al 30 Agosto, sarò in vacanza su Google+, venitemi a trovare, ho preparato birra per tutti.

Buone vacanze!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: