Guida a Twitter per facebookiani

Twitter FacebookVorrei spiegare come funziona Twitter a chi ne ha sentito tanto parlare ma, buon per lui, non ha ancora deciso di aprire un account. Io mi rivolgo all’utente medio di Internet quindi do per scontato che conosca perfettamente come funziona Facebook e Youporn anche se di quest’ultimo sito non c’è bisogno per capire le dinamiche di Twitter. Dopo aver letto questo post potrai finalmente capire una frase del genere: “Ho lanciato un nuovo TT e mi hanno followato in due: sono diventato una twitstar. Farò loro un FF, aspetta che ti scrivo un DM”. Non ti servirà affatto per trovare la lavoro ma ti sarà utilissimo per passare il tempo in attesa di occupazione. Quando ti iscrivi puoi rendere il profilo privato, lo riconosci perché accanto al nickname trovi un lucchetto stile Moccia. Sarà per questo motivo insieme al fatto che il simbolo è un uccello che Twitter piace tanto alle ragazze.

Su questo social network gli utenti si possono dividere in scrittori (di cose più o meno intelligenti) e stalker. I primi provano a scrivere per essere letti da più gente possibile e interagiscono con chiunque, anche con Gasparri. I secondi scrivono invece a senso unico verso quel cantante o altro personaggio pseudo-famoso solo su Internet. Nel caso tu sia un fan di Justin Bieber o degli One Direction e stai leggendo questo post, non è riferito a questi personaggi. Però adesso la smetti di minacciarmi di morte? Twitter a differenza di Facebook è molto meno ipocrita e non ci sono amici ma solo follower e following, cioè persone che ti seguono e persone che segui. Anche se ti sei perso stai sicuro che qualcuno continuerà comunque a seguirti.

Veniamo alla questione più importante: ma che ci faccio con Twitter? Potresti seguire Melissa Satta e sapere ogni mattina se a Milano brilla il sole o c’è la pioggia. Oppure seguire il Cardinal Ravasi e meditare sui suoi tweet in cui cita passi della Bibbia. Questi sono solo alcuni dei milioni di persone che puoi seguire ma veniamo alla parte principale: lo scrivere tweet. Un tweet non è altro che un messaggio di massimo 140 caratteri, cioè neanche un SMS. Se ti sembrano pochi devi sapere che questo spazio ti deve bastare anche per l’eventuale parola chiave, cioè l’hashtag. Non vorrai mica che il tuo arguto tweet venga letto solo dai tuoi quattro gatti di follower. Che poi diciamolo, all’inizio quando ti sei appena iscritto a Twitter, sono proprio degli sfigati se seguono te che non hai ancora scritto niente di interessante. Ci sono anche alcuni profili, i cosidetti bot, che postano in automatico gli articoli di blog o giornali. Forse non ti possono interessare ma per una volta fammi dire quello che ho sempre sentito nei film: “segui quelle macchine”. Per anni mi sono chiesto a cosa potesse mai servire #, il cosiddetto cancelletto, sulle tastiere dei computer – se non hai mai usato Twitter mi immagino che proprio in questo momento tu lo stia cercando disperatamente sulla tastiera, finalmente poi l’ho scoperto: serviva per creare le parole chiave su Twitter.

Veniamo adesso a spiegare i Trending Topic, per gli amici i TT, per chi non conosce l’inglese gli argomenti di tendenza. In ogni momento del giorno Twitter in automatico monitora le parole più scritte e segnala di cosa si parla di più. Molto spesso i TT sono lanciati dagli utenti tramite #, altri invece sono per così dire “naturali”, insomma i fatti più discussi del giorno. Ogni tweet può essere retwittato o messo tra i preferiti. Se aggiungi ai preferiti un tweet avrai la possibilità di salvarti il tweet per futura memoria. Facendo retwit potrai condividere un tweet coi tuoi follower.
Quando credi di aver capito tutto di Twitter arrivi a venerdì e vedi la tua timeline (l’elenco dei tweet dei profili che stai seguendo) sommersa dai FF cioè i follow friday (segui venerdì). Non è un’ondata di consigli a seguire l’amico di Robinson Crusoe bensì i migliori twitteri. Gli FF sono una follia collettiva che prende il sopravvento ogni venerdì. La maggioranza dei twit in questo giorno della settimana non fanno altro che consigliare a seguire Tizio perché non se ne può fare senza o Caio perché se smette di twittare ci si può anche cancellare da Twitter. In realtà nessuno legge questi tweet ma è indubbio che fa piacere essere segnalato dai propri follower. Qualunque cosa tu possa scrivere il venerdì sarà sommersa tra le migliaia di tweet di FF e il tuo messaggio così perspicace passerà inosservato. E’ stata questa la strategia del Vaticano quando rivelò il terzo segreto di Fatima, che infatti nessuno ricorda più.

Se la sera decidi di rimanere in casa e guardare un po’ di televisione Twitter ti fa risparmiare sulla guida TV. Basta dare un’occhiata ai TT e saprai immediatamente cosa c’è su tutti i canali, Sky compreso. Anzi potrai anche scoprire gli ospiti in quel preciso momento. C’è da chiedersi se molte persone twittano perché stanno guardando la TV, o guardano la TV per poter twittare. Potremmo discutere di questo stasera su Twitter se ti va, mi sembra che non ci sia niente di interessante alla TV. In realtà se il giochino vi prende resterete sempre in casa e risparmierai anche sulle bevute la sera e dopo tutto di questi tempi non è male. Per twittare la tv esiste una sola regola: si commenta sempre con ironia criticando tutto e tutti, da Voyager a Porta a porta. Lo so che sono programmi assai differenti: uno è un programma finto di approfondimento con pseudo-esperti e poi c’è Voyager. Quindi ti imbatterai in novelli Gialappi pronti a colpire la vittima televisiva di turno.

La descrizione di questo favoloso mondo non sarebbe completa se non parlassi di meravigliose creature che popolano Twitter: le twitstar. La twitstar per definizione non risponde mai quando gli scrivi a meno che tu non sia una twitstar a tua volta. L’unico modo per farti notare da una twitstar è tenderle una trappola colpendola nel suo punto debole. Questa creatura infatti ha un ego così smisurato che sarebbe impossibile farlo entrare in un misero tweet. Quindi basterà farle un complimento e lei ti retwitterà immediatamente per mostrare orgogliosa a tutti i follower quanto sono carini i propri fan. Questa non è una risposta ma avrai la soddisfazione di sapere che sa che tu esisti nell’universo e che la ami più del tuo compagno o compagna.

Mi immagino già che mi dici: “ok, adesso so tutto di Twitter ma ti sei dimenticato di dirmi dov’è la chat”. Lo so, ti sei preso la briga di leggere questo lunghissimo articolo in cui non c’è nemmeno una foto di un gattino, probabilmente non siamo amici e non sei nemmeno taggato in questo post, però adesso ho una brutta notizia per te: il tuo sforzo di lettura è stato inutile perché devi ritornare su Facebook in quanto su Twitter non troverai la chat.
Adesso che hai capito perfettamente come funziona Twitter non iscriverti.

PS: Il mio profilo Twitter è @kaspo e questo è il mio blog: http://kaspospinoziano.blogspot.it

Annunci

Comments

  1. Ehi, non hai spiegato i DM! 🙂

  2. Ma che delusione. Ne’ un tramonto ne’ un micino.KASPita. =) (Arguto! Mi e’ piaciuto)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: